Monday 5 september 2011 1 05 /09 /Set /2011 14:31

nozze di cana

Sabato 3 settembre, ore 19,15.

Non sono in grado di comunicarvi la temperatura dell'aria o il tasso di umidità presente, ma vi assicuro che per tutti agli invitati al matrimonio cui ho presenziato sabato, l'arrivo nella bella villa situata a pochi chilometri da Montebelluna (TV) è stato motivo di conforto: non solo per le sale climatizzate o per il giardino confortevole, ma anche per la possibilità di rinfrescarsi e deglutire una fresca bibita, visto che la temperatura percepita era più consona ad una oasi sahariana che non alla campagna trevigiana in un sabato di inizio settembre...
Una volta placata la sete e ristabilito quel minimo contegno che una cerimonia nuziale richiede (mal sopporto chi si toglie la giacca durante un pranzo nuziale, ma sabato ho perdonato persino quelli che non l'hanno indossata durante la santa messa) ci siamo tutti avvicinati al ricco antipasto servito a Buffett, ma nel mio caso era ancora la sete a stimolarmi.
Proveniente da un elegante magnum in vetro bianco mi viene versato nel calice un'acqua di colore giallo paglierino molto scarico, direi appena percettibile, e con evidente effervescenza....
"Sarà acqua gasata proveniente da qualche sorgente sulfurea, e forse a questo è dovuto il viraggio del colore?" Questo il mio primo pensiero.
Prendo il calice gentilmente offerto dal cameriere e lo porto al naso: al profumo si presente impercettibile, o quasi, di ogni sentore...
Al gusto si presente impercettibile, o quasi, di ogni sapore...
L'evidente effervescenza colta all'aspetto si ripropone in bocca attraverso bolle grossolane e sgraziate.
Malgrado la fresca temperatura cui era stata servita, l'acqua appena bevuta rilascia, oltre ad una lieve acidità, un calore al palato che sembra quello rilasciato dall'alcool.
Troppo incuriosito chiedo al cameriere di vedere la bottiglia con cui aveva riempito il mio bicchiere, e da quanto scritto in etichetta scopro che avevo ragione: contiene poco più del dieci per cento di alcool!
Strano per dell'acqua... a questo punto leggo l'etichetta nella sua completezza e vi trovo scritto Prosecco DOC Treviso.
Gioia e gaudio, ho appena assistito alla tentata riedizione del miracolo della tramutazione dell'acqua in vino, popolarmente più noto come miracolo delle nozze di Cana.
A differenza del primo miracolo compiuto da Nostro Signore però questo è riuscito male, e nessuno potrà dire «Tutti servono da principio il vino buono e, quando sono un po' brilli, quello meno buono; tu invece hai conservato fino ad ora il vino buono» come scritto nel Vangelo secondo Giovanni, e non certo perché tale vino è stato servito per primo.... 
 
P.S. a parte quanto appena scritto la conclusione è una sola: o si inizia a produrre seriamente anche il prosecco di campagna oppure ben vengano gli sumanti denominati Prosecco di origine brasiliani anzichè australiana: peggio di quel finto trebbiano spumantizzato alla garibaldina non si può fare!
AC
Di Circolo dei Saggi Bevitori - Pubblicato in : Prosecco... e d'intorni! - Community : Il mondo del vino
Scrivi un commento - Vedi 4 commenti
Torna alla home

Commenti

....c'é una bellissima battuta, credo di M. Twain, che dice che "...anche l'acqua, se bevuta in modiche quantità, non risulterebbe nociva..."
Commento n°1 inviato da Cantastorie il 8/09/2011 alle 15h42
...il vino oggi è più o meno come molte persone..... all'apparenza ti danno del credito....quando le senti parlare........
Commento n°2 inviato da Cantastorie il 5/09/2011 alle 20h46
Hai ragione, infatti prima di assaggiare ero in parte confortato dal fatto che in un vetro costoso ci si metta dell'acqua costosa! (pardon, del vino!)
Commento n°3 inviato da Alessandro Carlassare il 5/09/2011 alle 17h44
.....la stravaganza è la bottiglia da lt. 1,5... per il contenuto, ritengo, che sia abbastanza consuetudinale, il tenore qualitativo......
Commento n°4 inviato da Cantastorie il 5/09/2011 alle 15h23

DISCLAIMER

Questo blog non è, ne vuole essere, una testata giornalistica: viene aggiornato mantenendo una periodicità quasi quotidiana, a pura discrezione di chi lo scrive, pertanto non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7 marzo 2010.

Le immagini e le fotografie a corredo dei post sono state eseguite da chi le pubblica, oppure raccolte in rete.
L'eventuale pubblicazione di immagini coperte da copyright è avvenuta senza intenzionalità. Esse verranno immediatamente rimosse a seguito di semplice richiesta tramite e.mail all'indirizzo alessandrosb@libero.it

PROFILO DEL BLOG

Questo blog nasce il 30 gennaio 2009 come strumento di comunicazione e di confronto tra i soci del Circolo dei Saggi Bevitori (vedi sotto).
La sua evoluzione lo ha portato sempre più ad abbandonare tale compito per divenire un punto di osservazione rivolto non tanto, o non solo, al vino, quanto al mondo ad esso collegato. 
Dal 1° gennaio 2012 il blog vive di completa vita propria ed è l'espressione del pensiero sul vino, e del mondo ad esso correlato, dell'autore. 

E DI CHI LO SCRIVE

Se è vero che dietro ad ogni bottiglia di vino c'è un uomo, decisamente io sono davanti a tale bottiglia: infatti non ho nessun interesse economico, diretto o indiretto, con il mondo produttivo del vino ne con la parte di commercializzazione o vendita, pertanto nessuna mia opinione può essere influenzata da tale aspetto. 
Sono nato nel giugno del 1967 ai piedi del Monte Grappa, e vivo il vino come elemento parallelo alla mia vita: per questo amo parlarne.
Non cerco filtri o alibi: firmo ogni mio intervento e sono sempre raggiungibile all'indirizzo mail alessandrosb@libero.it

CALENDARIO

September 2014
M T W T F S S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
<< < > >>

IL CIRCOLO DEI SAGGI BEVITORI

colori-bis2.gif

Il Circolo dei Saggi Bevitori è un'associazione enoculturale no profit che si prefigge di promuovere ed educare all'arte del bere bene. I Saggi Bevitori sono persone che amano condividere questa gioia, ed il Circolo è aperto ad ogni persona che voglia approfondire le proprie conoscenze oppure trasmetterle.

Per maggiori informazioni visita il sito digitando qui oppure scrivi a info@saggibevitori.it 

Sede operativa: C\O Asolo Golf Club 
La sede operativa è situata presso l'Asolo Golf Club, in Via Dei Borghi n°1 - 31034 Cavaso del Tomba (TV)

Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati