Monday 27 september 2010 1 27 /09 /Set /2010 09:47

zaga

Ne avevo parlato non molti giorni fa in un post che vi invito a rileggere ( La DOCG in Veneto? Tra poco anche al vino in Tetrapack! ), e purtroppo quanto non mi auguravo è accaduto: il comitato per la valorizzazione delle denominazioni di origine ha espresso parere favorevole al riconoscimento della DOCG per il «Malanotte del Piave», il «Lison» e per il «Fior d’Arancio dei Colli Euganei», oltre alla nuova Doc «Venezia» ed ai simultanei adeguamenti delle Doc «Piave», «Lison - Pramaggiore» e «Colli Euganei». (vedi qui) , il Ministro Galan se ne compiace e si dice orgoglioso della vocazione enologica del Veneto (lo dice qui), io invece (un po') mi vergogno della mia regione e della sua classe politica perché ritengo l'intera operazione come semplice manovra di scambio di favori, in parole povere io oggi ti do una DOCG a te (e/o una DOC) e magari domani, in periodo di elezioni tu dai un bel voto a me! 
Non entro in merito alle nuove DOCG dal punto di vista tecnico: per la fatica e lo sforzo di ogni viticoltore gioisco per loro, e ben comprendo che "avere" la DOCG possa aiutare dal punto di vista commerciale, mio personale parere è che non vi fosse bisogno di una DOCG Piave Malanotte (ma ripeto è parere personale) mentre trovo quanto meno sorprendente la coincidenza tra il riconoscimento di tante DOCG e la presenza di Ministri Veneti in carica presso il dicastero delle Politiche agricole: la prima DOCG, se non errò, è stata rilasciata nel 1980 nei confronti del Brunello di Montalcino, arrivando in Veneto solo nel 2001 con il riconoscimento per il Recioto di Soave, il Soave Superiore ed il Bardolino (se alza la mano chi ancora non si spiega il perché di tale attribuzione contiamo una sessantina di milioni di mani...).
Nel periodo 2008 -2010 si aggiungono ben 5 nuove DOCG, tutte rilasciate finché vi era un ministro Veneto alla guida del Ministero delle Politiche Agricole, Luca Zaia, ed ecco che il Veneto arriva a contare ben 8 Garantite, ponendosi al secondo posto per numero di Garantite riconosciute, dietro all'inarrivabile (dal punto di vista qualitativo) Piemonte che ne vanta 12.
Adesso si aggiungono altre 3 DOCG, ed anche se il Ministro non è più Zaia, è pur sempre un Veneto: Giancarlo Galan!
Che possiamo dire? Che sia una mera coincidenza il fatto "Ministro Veneto = nuove DOCG?"
A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca, ed io oggi penso male.
Domani parleremo della nuova DOC Venezia, e della coincidenza di tanti riflettori puntati sui vini veneziani e su quelli prodotti (ahimè) in laguna....
  
AC
Foto tratta da l'Arena di Verona - Arena.it
Di Circolo dei Saggi Bevitori - Pubblicato in : Io la penso così - Community : Il mondo del vino
Scrivi un commento - Vedi 6 commenti
Torna alla home

DISCLAIMER

Questo blog non è, ne vuole essere, una testata giornalistica: viene aggiornato mantenendo una periodicità quasi quotidiana, a pura discrezione di chi lo scrive, pertanto non può essere considerato prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7 marzo 2010.

Le immagini e le fotografie a corredo dei post sono state eseguite da chi le pubblica, oppure raccolte in rete.
L'eventuale pubblicazione di immagini coperte da copyright è avvenuta senza intenzionalità. Esse verranno immediatamente rimosse a seguito di semplice richiesta tramite e.mail all'indirizzo alessandrosb@libero.it

PROFILO DEL BLOG

Questo blog nasce il 30 gennaio 2009 come strumento di comunicazione e di confronto tra i soci del Circolo dei Saggi Bevitori (vedi sotto).
La sua evoluzione lo ha portato sempre più ad abbandonare tale compito per divenire un punto di osservazione rivolto non tanto, o non solo, al vino, quanto al mondo ad esso collegato. 
Dal 1° gennaio 2012 il blog vive di completa vita propria ed è l'espressione del pensiero sul vino, e del mondo ad esso correlato, dell'autore. 

E DI CHI LO SCRIVE

Se è vero che dietro ad ogni bottiglia di vino c'è un uomo, decisamente io sono davanti a tale bottiglia: infatti non ho nessun interesse economico, diretto o indiretto, con il mondo produttivo del vino ne con la parte di commercializzazione o vendita, pertanto nessuna mia opinione può essere influenzata da tale aspetto. 
Sono nato nel giugno del 1967 ai piedi del Monte Grappa, e vivo il vino come elemento parallelo alla mia vita: per questo amo parlarne.
Non cerco filtri o alibi: firmo ogni mio intervento e sono sempre raggiungibile all'indirizzo mail alessandrosb@libero.it

CALENDARIO

August 2014
M T W T F S S
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
             
<< < > >>

IL CIRCOLO DEI SAGGI BEVITORI

colori-bis2.gif

Il Circolo dei Saggi Bevitori è un'associazione enoculturale no profit che si prefigge di promuovere ed educare all'arte del bere bene. I Saggi Bevitori sono persone che amano condividere questa gioia, ed il Circolo è aperto ad ogni persona che voglia approfondire le proprie conoscenze oppure trasmetterle.

Per maggiori informazioni visita il sito digitando qui oppure scrivi a info@saggibevitori.it 

Sede operativa: C\O Asolo Golf Club 
La sede operativa è situata presso l'Asolo Golf Club, in Via Dei Borghi n°1 - 31034 Cavaso del Tomba (TV)

Crea un blog gratis su over-blog.com - Contatti - C.G.U. - Remunerazione in diritti d'autore - Segnala abusi - Articoli più commentati